Amazing Spider-Man #3

Amazing_spider-man_vol_1_3

Il simpaticissimo Otto Octavius, versione Marvel di Elthon John con una scodella in testa degna dei ragazzini saputelli dei film e delle pubblicità delle merendine, è un brillante scienziato. Ha inventato un corpetto con annesse due paia di braccia robotiche che comanda con delle praticissime manopole. In questo modo puà manipolare oggetti pericolosi senza toccarli direttamente. Infatti lavora in una centrale nucleare. Per favore, va a spiegarglielo tu il concetto di radiazioni, che non è che se l’uranio non lo tocchi non ti faccia niente, eh.

E infatti, un piccolo incidente fa esplodere il nucleo e il buon dottor Octopus (così soprannominato dalle colleghe per la sua famosa mano morta tentacolare) si ritrova con le braccia meccaniche saldate al corpo. Il vantaggio è che le può controllare con il pensiero.

Doc Octopus non la prende proprio bene e sequestra l’ospedale dove era curato.

Viene chiesto ai Fantastici Quattro un aiuto, ma guarda, non possiamo proprio, abbiamo un sacco di impegni, una rivista tutta nostra, la Donna Invisibile ha il ciclo invisibile che ogni mese Reed Richards ha paura che sia gravida e Ben è intrattabile e la Torcia Umana ha una leggera infiammazione che non gli dà tregua.

JJJ chiede a Peter di fare un po’ di foto a questo fenomeno da baraccone. L’Uomo Ragno quindi va ad affrontare il suo nuovo nemico e ne prende un sacco.

Demoralizzato, Peter pensa che siccome le ha prese una volta, l’Uomo Ragno è sconfitto per sempre, è ora di attaccare il costume al chiodo.

La Torcia Umana, nel frattempo, visto il suo problemino di accensione, si rende utile facendo un discorso al liceo di Peter, una roba del tipo se andate nello spazio non proteggetevi dai raggi cosmici, così diventerete fichi anche voi. E se avete dei superpoteri siete automaticamente più superfichissimi di tutti gli altri.

Peter pensa che alla fine un paio di legnate ci possono anche stare nella vita di un supereroe.

La Torcia ha appena salvato un mensile partito giusto da un paio di numeri (e senza neanche saperlo).

Spidey, gasato e carico, va dal Dottor Octopus e lo mena, consegnandolo alla giustizia.

E poi, niente, la storia finisce così.

Advertisements
Tagged ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s