Monthly Archives: January 2012

Doctor Who S04E02 – The fires of Pompeii

Il Dottore e Donna fanno il loro primo viaggio insieme a Pompei. Il Dottore spiega alla sua nuova compagna che il Tardis permette loro di capire e di farsi capire in qualsiasi lingua.
E vai con gli esperimenti: e se proviamo a parlar loro in latino? Il risultato è… Gallese!?
Lasciate perdere queste facezie, è il momento di concentrarsi sul problema vero della puntata (ché, voglio dire, un viaggio dove vedono qualcosa e basta, no? ogni volta che il Dottore va da qualche parte, si rischia sempre il finimondo, anzi, in finiuniverso. Secondo me mena anche un po' rogna).  In sostanza il problema è che a Pompei ci sono sti veggenti che in realtà hanno iniziato a imbroccarci sul serio. Cioè prima dicevano robe del tipo: "Domani ci sarà bel tempo, ma forse no" e ora ti indovinano il codice fiscale e il numero di scarpe anche dei forestieri. Solo che nessuno di loro sa nulla in merito all'imminente eruzione del Vesuvio.
In più,  Donna vorrebbe avvertire tutti i pompeiani (le pompeiane no, perchè i portici non si possono muovere), ma il Dottore le spiega che lui non li sopporta proprio i pompeiani, oh, e poi certe cose si possono cambiare e certe altre no. E perché questa no? Perché no. Con un tocco alla Jannacci il Dottore tenta di chiudere la conversazione e passare ai problemi che son problemi veri: i soliti alieni e dei circuiti elettronici intagliati nel marmo. A parte che proprio ci vedo la comodità, usando una roba del genere avrei un telefonino che pesa un quintale e mezzo e non parliamo del pc, guarda.
Comunque, per rispedire a casa sti alieni che sennò accoppano tutti gli abitanti del pianeta terra, il Dottore deve far eruttare il Vesuvio.
Che per lui la scelta è difficile da fare, ma se mettivi lì un leghista proprio c'era la suspence su quale sarebbe stata la sua scelta, guarda. Comunque, tutto è bene quel che finisce bene. E Pompei? Insomma, non stiamo lì a guardare i dettagli. Un po' di cenere si mette sotto il tappeto e poi noi si parte.

Tagged ,

Doctor Who S04E01 – Partners in crime

Donna Noble è determinata a reincontrare il Dottore e si mette ad indagare in tutte le cose strane che vede intorno a lei, perché tanto lei sa che il Dottore può viaggiare ovunque nel tempo e nello spazio, ma alla fine i casini più grossi son sempre sulla terra, oggi.
Entrambi si trovano ad indagare su una casa farmaceutica che promette di far perdere un sacco di peso alle persone che seguono il trattamento che propone. In realtà, le pillole somministrate permettono di far saltar fuori dalle panze delle persone dei simpaticissimi Adipose, cioè delle carinissime e tenerissime creature fatte di lardo. Ovviamente il rischio è quello di esagerare, con il risultato che della persona non resta più nulla. Ma cosa non si farebbe per la linea (da cui la nota massima "linea fa campo"). Tutto questo costituisce un motivo più che sufficiente al Dottore e Donna per tentare indipendentemente di fermare l'organizzazione. Quando i due si reincontrano feste e gioia e i loro siparietti sono interrotti dai malvagi CEO di turno. In realtà si tratta di un asilo spaziale e il CEO è semplicemente la tata di una razza aliena (nota appunto come Adipose). La situazione si risolve quando arriva l'astronave (lo scuolabus galattico?) per portare a casa gli Adipose, facendo fare alla tata la fine di Wile E. Coyote.
Svolta comedy parecchio gradevole per questa puntata.

Tagged ,

Doctor Who S04E00 – Voyage of the damned

Il Titanic che ha sfondato la parete del Tardis non è l'originale, ma una nave spaziale avente la stessa forma e lo stesso nome del famoso transatlantico. Il Dottore si imbarca abusivamente e fa amicizia con la cameriera Kylie Minogue. Gli inservienti robotici della (astro)nave hanno le fattezze di angeli e nel giro di poco iniziano a schizzare, lanciando le loro aureole come frisbee (e ovviamente accoppando gli inermi viaggiatori). Ma c'è di più. Un muletto comandato da una testa in formalina fa di tutto per far finire la crociera in tragedia (per vendicarsi degli azionisti che l'hanno esautorato dal consiglio di amministrazione). Il Dottore riesce a sconfiggerlo e a evitare la catastrofe sacrificando la vita della cameriera (ma tanto alla fine ormai anche Kylie ha la sua età, mica ci dispiace così tanto).
Il Dottore salva la situazione come al solito e, soprattutto dei soprattutti, riesce a dire in un contesto adeguato "Allons-y Alonso!", evitando l'impatto del Titanic su Buckingham Palace (e ricevendo i ringraziamenti della regina). Invece di essere felice per il risultato ottenuto, un po' si rabbuia perchè è da solo. Ma tanto lo resterà solo fino alla prossima puntata.

Tagged ,

Doctor Who S04E00 Time crash (Mini episode)

Mini episodio che serve fondamentalmente a Steven Moffatt per ribadire un concetto a lui tanto caro: "Avete presente il paradosso dell'informazione tipico di quando si parla dei viaggi nel tempo? Ebbene, io prendo e lo uso per pulirmici il culo!".
Il Dottore attuale si trova sul Tardis e si incontra col quinto Dottore in una di quelle tipiche situazioni che fanno esplodere l'universo. Dopo una sviolinata a se stesso del passato, il decimo Dottore risolve il problema agevolmente mostrando quello che sta facendo al se stesso del passato, in modo che possa imparare e, quindi, quando in futuro si troverà nuovamente nella stessa situazione possa ricordarsi di cosa deve fare per uscirne.

Tagged ,

Doctor Who S03E13 – Last of the Time Lords

E insomma, Martha vaga per il mondo cercando di trovare una soluzione per salvare il Dottore, mentre tutti gli altri sono prigionieri del Maestro. Alla fine Martha scopre che i Toclafane sono gli umani del futuro che stanno sterminando i se stessi del passato (tutto ciò è fatto perché il Tardis è usato come macchina da paradosso). Semplice, chiaro, lineare. Per risolvere la situazione, Martha sfrutta a suo vantaggio la rete Archangel: tutti pensano nello stesso momento al Dottore e lui ringiovanisce. Se funzionasse anche l'effetto, con tutte le volte che ho pensato a Nicole Kidman, ormai dovrebbe essere tornata minorenne. Ma torniamo a noi. Il Dottore praticamente sconfigge il Maestro e giunge addirittura a perdonarlo. Sua moglie (del Maestro) non è però così indulgente e gli spara. Ad un Time Lord ste cose fanno una pippa: basta rigenerarsi, no? Ma il Maestro dice "Stare con il Dottore per sempre in una relazione bromance che sfocia nell'ambiguo degli esperimenti sulla sessualità? Puppa!" e si lascia morire.
Tutto è bene quel che finisce bene. Martha si è stancata di volerne dal Dottore e visto che ha capito che con lui non ce n'è, decide di restare a casa e di mollarlo.
Jack si scopre che è la faccia di Boe (e il faccione comincia ad averlo già adesso).
Il Dottore allora fa per andarsene, quando il Titanic gli sfonda il Tardis.
Preparativi per lo speciale di Natale.

Tagged ,

Doctor Who S03E12 – The sound of drums

Il Maestro a bordo del Tardis e il Dottore con la sua ghenga imprigionati e assediati dalla futurekind.
Fortunatamente il Dottore è riuscito usando il suo sonic screwdriver a "bloccare" il Tardis in modo che potesse solo tornare da dove era arrivato.
La cricca si salva usando il bracciale per il viaggio del tempo di Jack. Arrivano nel 21° secolo e scoprono che il simpatico Harold Saxon è candidato come primo ministro. E Martha scopre che l'ha votato pure lei. E si accorgono dalla voce che il Maestro è Harold Saxon.
La prima azione del Maestro come primo ministro è quella di gasare tutta il suo consiglio comunale. A modo suo. Cioè, io se divento primo ministro e  mi dicono di gasare l'assemblea, faccio un super discorso, gli dico che sono magici, che adoro lavorare con loro. Il Maestro per gasare le persone… uhm… usa il gas.
L'incontenibile John Simm si rivela un Maestro magnifico, che risulta una perfetta controparte del Dottore (pure se piuttosto schizzato). Ora, quest'ultima affermazione non c'entra niente con la trama, ma da qualche parte la dovevo pur mettere.
Il Maestro è stato eletto usato la rete Archangel, ovvero una rete satellitare per ipnotizzare un po' tutti. Altro che campagne elettorali fatte coi manifesti e con le solite mazzette. Inoltre il suo asso nella manica (del Maestro, non il canale inglese) è rappresentato dai Toclafane, che son tipo palloni da calcio di acciaio con le armi che volano e ammazzano le persone. Detta così non sembrano tanto belli, ma in realtà… no, in effetti son piuttosto scadenti. Però ammazzano le persone coi raggi.
Nel frattempo è da un po' di episodi che i genitori di Martha sono sotto minaccia da un'organizzazione segreta che punta al Dottore.
Tale organizzazione segreta è il club degli amici del Maestro.
Il Maestro annuncia al mondo di essere il primo ad avere avuto un contatto con gli alieni e promette alla nazione un incontro ufficiale, una cosa tipo un festino interplanetario, un gran galà della pubblicità su scala interplanetaria. Ovviamente gli alieni che il Maestro presenta sono i Toclafane. Al presidente degli USA gli rode però di non essere lui a presentare la razza umana a sti alieni, per cui si autoproclama portavoce. Altrettanto ovviamente viene ammazzato. Il Maestro dice che per solidarietà vuol far ammazzare un decimo della popolazione terrestre. E sti Toclafane eseguono.
Il Dottore, Martha e Jack ovviamente sono presenti e ovviamente possono poco.
Infatti il Maestro usa un arma contro il Dottore che lo fa diventare un vecchietto, imprigiona Jack e la famiglia di Martha e vorrebbe fare altrettanto con Martha stessa, ma quest'ultima riesce a scappare usando il braccialetto magico di Jack. Hangover!

Tagged

Snickers Almond

Snickers-almond

Il tipico cioccolatino della famiglia Mars/Twix/Snickers. Non c'è molto da dire, se non che l'idea di sostituire le arachidi con le mandorle è piuttosto brillante, considerando il buon equilibrio così raggiunto. Da notare le dimensioni della confezione maxi: grande più o meno come due snickers normali nostrani.

Tagged

Oreo Peanut Butter

Peanut-butter-oreo-cookies

Che gli Oreo siano i biscotti più buoni del mondo è cosa risaputa. Ma quando sei negli USA vorresti che qualsiasi cosa mangi abbia il gusto del burro d'arachidi. Per rispondere a questa pressante esigenza, ecco gli Oreo al burro d'arachidi. Pesantissimi, al primo assaggio lasciano indifferenti (se non vagamente nauseati). Ma, come era lecito attendersi, nel giro di 20 minuti si è già divorata la scatola. Gli originali restano comunque meglio.

Tagged

Doritos Pizza Extreme

Doritos-pizza-supreme

Cosa abbiamo se prendiamo le Doritos Nacho Cheese (patatine perfette di cui abbiamo già parlato) e le uniamo agli anelli di pizza della Amica Chips (fedeli compagni dell'infanzia)?
Abbiamo questo interessante prodotto, che di per se non è male (soprattutto per la funzione evocativa del gusto: fa troppo venire in mente l'infanzia), anche se le Nacho Cheese restano le migliori.

Tagged

Doritos salsa verde

Doritos-salsa-verde

Viste le soddisfazioni che le Doritos sanno riservare, vale la pena provare anche questo membro della famiglia. Il verde della scatola è un chiaro riferimento ai peperoncini piccanti in cui sono affogate queste patate. Molto buone, il piccante si comincia a sentire due tre minuti dopo averle mangiate.

Tagged